L’erba del vicino

margherita

Evvabbhe’ che c’è carenza di materia prima, che quelli rimasti liberi dopo una certa età forse qualche problema ce l’hanno, che adesso si sono invertiti i ruoli, che le femmine sono diventate cacciatrici e i maschi prede, che l’occasione fa l’uomo, cioè la donna, ladra… evvabbhe’ tutto… ma, dico io, è proprio necessario tampinare con insistente determinazione gli uomini regolarmente e spesso felicemente ammogliati/fidanzati/accoppiati?

Annunci

Dilemma

STRADA1

Mi sono sempre detta che siamo noi, con il nostro comportamento, a determinare la piega che gli eventi prendono. Cioè le cose posso cambiare, e siamo proprio noi che le facciamo andare da una parte piuttosto che dall’altra.

Ma a volte mi viene anche da pensare che ci sono situazioni che, per quanto ci dimeniamo, non vanno da nessuna parte. E allora bisogna solo decidere che fare: restare o andare.

Tre motti

CB2+2T150

Può sembrare sciocco ma mi ritrovo in questi luoghi comuni:

2 + 2 = 4

tutto è bene quel che finisce bene

non tutto è come sembra

Sarà banale, ma queste perle di saggezza popolare, secondo me, hanno un loro perché.

 

Genitori surrogati

bimbo cicogna

Premetto che non ho le idee chiare e una posizione ben definita. Se sia un bene in nome della battaglia per i diritti civili o un male per il mercimonio che ne scaturisce; se sia l’ennesima umiliazione della donna ridotta al rango di fattrice a pagamento mentre il bambino diventa oggetto di scambio in un mercato di nicchia. Se sia un ulteriore traguardo nell’inarrestabile progresso della società o piuttosto l’ultima frontiera della turpitudine umana. Sta di fatto che tutto questo gran vociare che si fa sulla paternità surrogata di Vendola e del suo compagno mi fa venire in mente che più la società si evolve più si complicano le relazioni interpersonali e i rapporti sociali, pretendendo ormai anche lo Stato di intervenire in vicende che dovrebbero rimanere private con il pretesto di tutelare i valori della convivenza civile organizzata o di prendersi cura di soggetti più deboli.
Che la maternità o la paternità surrogata si sia sempre praticata fin dai tempi più antichi è cosa nota: uno dei primi casi che si conosce è quello del buon Giuseppe, che proprio grazie a un provvido intervento giunto dall’alto, divenne padre di un figlio che non aveva concepito. Anche il Patriarca Abramo, in fondo, si può elencare nel novero dei casi: pare che Lot non avendogli partorito una discendenza gli abbia dato in sposa la propria giovane serva, affinché compisse ciò che lei non aveva potuto. Sappiamo oggi che la sterilità di una coppia è più spesso imputabile al maschio che non alla femmina sicché sarebbe anche lecito ipotizzare che Isacco fosse in realtà il frutto dell’unione della giovane serva con qualche coetaneo, piuttosto che della fertilità tardivamente ritrovata dei due anziani coniugi che si sarebbero invece limitati ad adottarlo. Non è forse vero che l’autore dei Promessi Sposi era figlio di Giovanni Verri e non del legittimo marito della propria madre? E fatti di cronaca più recenti non hanno forse svelato a un uomo che credevasi padre di aver invece cresciuto il figlio generato da una gravidanza dovuta ad una relazione extraconiugale tenuta occulta per oltre quarant’anni?
Certo che l’idea del commercio di  vite umane può scuotere le nostre coscienze, ma questo non è nemmeno uno dei casi peggiori che ci è dato osservare e non è poi detto che le conseguenze siano così dannose per la società e per i protagonisti stessi. E’ certo invece che l’indignazione mediatica potrebbe indirizzarsi verso altri casi più meritevoli  spesso taciuti e ignorati.
Frattanto che riflettiamo sull’argomento io propongo, se già non è stato preso in considerazione, di consacrare Giuseppe Santo Patrono dei genitori adottivi e putativi e delle pratiche di fecondazione assistita.

Scheletri nell’armadio

Non voglio certo dare consigli a qualcuno o intromettermi in personalissime scelte, ma una cosa che non ho mai capito è perchè mai chi decide di aprire un blog  lo rende privato o scrive post protetti da password. Chi crea un blog su uno spazio pubblico sicuramente sa che si sta mettendo in vetrina: verranno a leggerlo potenziali visitatori del tutto sconosciuti, nascosti sotto un nick di fantasia, e che tali per lo più rimarranno anche se e quando diverranno suoi lettori o commentatori più o meno affezionati. Sa anche che in virtù dei poteri sconfinati della rete potranno giugere a lui da ogni dove, intenzionalmente o per puro caso, potranno venire a cercarlo o capitare per sbaglio o per curiosità tra le sue righe. E siccome è proprio questo che vuole, ovvero crearsi un pubblico  o degli amici virtuali per il piacere di raccontarsi e di trovare qualcuno che lo sta ad ascoltare e quindi solleticare il proprio narcisismo o magari rompere una solitudine troppo monotona o dire nell’anonimato quello che non direbbe a  viso aperto o, ancora, mostrare un’immagine ritoccata e abbellita di ciò che non è, magari suscitando anche romantiche fantasie nei lettori, ecco, per tutti questi motivi non capisco appunto a che pro mettere un lucchetto e creare un circolo privato di amici o, addirittura, di lettori di singoli post. Insomma scegliere quali, tra gli sconosciuti, verranno ammessi al proprio desco.

Per non parlare poi delle smanie di controllo sui visitatori, rese possibili da sistemi di monitoraggio ormai alla portata di tutti, innocente vezzo denotante una semplice curiosità al più venata da una punta di autocompiacimento, ma che può  virare in vere e proprie fantasie paranoiche (magari in soggetti predisposti)  su chi mai e per quali oscuri motivi si ferma ad osservare la propria vetrina. Il rimedio? La rete è un’arma potente, utilizzare con cautela. Forse è meglio non mettere in piazza tutti i fatti propri, e chi ha scheletri nell’armadio badi a tenerlo ben chiuso.