Vita da single

“Mi sono sposato presto, non giovanissimo ma diciamo in età giusta per un matrimonio; alla fine era quello che veramente volevo: crearmi una famiglia, avere una donna a cui dare il mio amore, magari, anzi certamente, dei figli. Lo so, a guardarmi non si direbbe, non ho certo l’aspetto e i modi di chi indugia al romanticismo. Nemmeno a vent’anni. Ma quello che si mostra non è sempre quello che si è. Ero un ragazzone timido, magro, con una gran chioma di capelli ricci e tendenti al biondo e due occhi color del carbone vagamente inclinati agli angoli verso il basso, quasi a simulare uno sguardo rattristato, che piacevano tanto alle ragazze. Forse era proprio il contrasto inusuale tra quelli occhi scuri e il colore chiaro dei capelli che piaceva, o forse gli occhi piangenti, o forse il naso da dio greco, o forse i miei modi silenti, che in realtà celavano la timidezza impacciata che cercavo di mascherare con un’apparente spigliatezza. O forse i miei modi gentili, di chi cercava di piacere a tutti. Continua a leggere

Annunci